Sul referente

A futura memoria, mia e non solo, copio qui sotto due estratti dalla mail di Beleg del 31/03/2003 in cui delineava genesi, ruolo, obblighi e quant’altro di questa peculiare figura.

——– Messaggio Inoltrato ——–
Oggetto: [Tolkien] Venite, venite tutti!
Data: Mon, 31 Mar 2003 14:24:46 +0200

ORGANIZZAZIONE: per ogni “famiglia” ci sara` un REFERENTE. Il referente non ha NESSUN obbligo, ripeto NESSUNO… tranne quello di decidere quando e dove ritrovarsi.
In pratica, il referente dovra` solo decidere una cosa di questo tipo: “I Proudneck of Longbottom si ritrovano a Roma, ogni secondo venerdi` del mese, presso il pub “Four Green Fields” alle 21.”
Una volta al mese, il referente dovra`… andarsi a prendere una birra in quel pub (che poi sara` il suo preferito, dato che lo ha scelto lui). Ovviamente, il pub e` solo l’esempio piu` semplice: niente vieta di incontrarsi in una ludoteca, in una parrocchia, in un circolo qualunque, in una casa.
Il referente, secondo le esigenze, portera` ad esempio un cartellino da mettere sul tavolo per riconoscimento, e l’eventuale nuovo socio sapra` come riconoscerlo.

[omissis]

FREQUENZA DI INCONTRO: e` lasciata alla volonta` del referente. Una volta al mese mi sembra ottimo, di piu` sarebbe splendido, di meno e` meglio che nulla (cioe` a dire, meglio un gruppo che si ritrova una volta ogni sei mesi che nulla).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *