Il barcarolo elfico

Studiando il misconosciuto vol. XVII della HoME (Gollum’s fish and other writings) mi sono inbattuto in due pezzi poetici:
il primo sembra essere di Daeron, a memoria del suo amore per Luthien.
Il secondo potrebbe essere una parte delle prime versioni del racconto di Turambar.

Alcune lievi sfumaure linguistiche mi fanno supporre che sia stato scritto nel periodo in cui Tolkien coniò nomi come Namo, Erchamion ed altri.  🙂

Il Canto di Daeron

Quanta pena stasera..
c’e’ sur fiume che fiotta cosi’
disgraziato chi sogna e chi spera
tutti ar monno dovemo soffri’
Si’ c’e’ n’anima che cerca la pace
puo’ trovalla sortanto che qui…

Vago dell’Esgalduin seguendo la corente
e quanno canto l’eco s’arisente
si’ e’ vero fiume che tu dai la pace
Fiume affatato fammela trova’..

Piu’ d’un mese e’ passato
da quel giorno ch’io dissi: “Tinuviel..
quest’amore e’ ormai tramontato”
lei rispose: “Lo vedo da me..”
Sospiro’, poi me disse:” addio core…”
io pero’ nun me scordo de lei!

Je corsi appresso ma, nun l’arivai
la cerco ancora e nun la trovo mai
Si e’ vero fiume che tu dai la pace
Esgalduin fammela trova’..

La Morte di Nienor

Proprio sotto ar dirupo
vedo un’ombra sull’acqua – vien qua!
S’ariggira je fa’ er mulinello
poi riaffonna e riassomma piu’ ‘n la
soccorete è na donna affogata
poveraccia penava chissa!?

La luna da lassu’ fa’ capoccella
rischiara er viso de Nienor la bella
cercava pace dalla verità svelata,
Boiaccia Teiglin je l’hai data tu!!..


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *